FORGOT YOUR DETAILS?

Bonus verde

Arriva il Bonus Verde 2018

Piogge e giornate uggiose a parte, il caldo della bella stagione inizia a farsi sentire e la voglia di passare più tempo all’esterno cresce sempre di più. Per chi quest’anno è intenzionato a godersi i propri spazi outdoor e le aree verdi, arriva una buona notizia: il Bonus Verde. Le detrazioni del Bonus sono un’ottima occasione per chi deve risistemare gli spazi verdi del proprio giardino o del condominio.

Cos’è il Bonus Verde

Il bonus Verde è una detrazione Irpef del 36% introdotta dalla Legge di Bilancio 2018  che riguarda le spese sostenute in questo stesso anno per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti e unità immobiliari. Per “sistemazione” s’intendono tutti quei lavori che danno decoro a uno spazio esterno:

  • riqualificazione del manto d’erba;
  • messa a dimora di piante e arbusti;
  • realizzazione di coperture a verde;
  • la realizzazione di giardini pensili.

Connesse a questi interventi dovranno essere necessariamente progettati impianti per l’irrigazione o pozzi e si dovrà tener conto della conseguente manutenzione di tali strutture a supporto di questi interventi, ma non c’è da preoccuparsi, anche in questo caso si può usufruire del Bonus Verde.

Cosa non comprende il Bonus Verde

Queste detrazioni non valgono per interventi annuali di manutenzione ordinaria come ad esempio per la potatura di piante e alberi, a meno che non venga certificato in il contrario. Neanche l’acquisto di nuovi vasi per il balcone sono accettati per le detrazioni. Altro punto su cui non è possibile usufruire del Bonus Verde sono i lavori in economia, ovvero quelli effettuati dal contribuente sul proprio giardino o terrazzo.

Il Bonus Verde per il condominio

Anche le parti comuni dei condomini potranno utilizzare le agevolazioni fiscali fino a 5.000 Euro a unità d’immobile. Non solo, possono usufruire del Bonus Verde anche il proprietario dell’edificio che ha sostenuto le spese e il singolo condomino, nel limite delle spese a lui imputabili e che abbia presentato la dichiarazione dei redditi entro i termini stabiliti.

Come di ottiene in bonus verde?

Tutto ciò che viene speso dovrà essere certificato e tracciabile, in modo che ogni operazione e tutti gli investimenti vengano registrati e utilizzati come testimonianza concreta degli interventi. Ai pagamenti riguardanti i lavori non verrà applicata la ritenuta dell’ 8%, ma sarà necessario effettuarli attraverso:

  • Bancomat;
  • carta di credito;
  • assegno;
  • bonifico bancario.

Facendo un calcolo, dunque, se il tetto dell’agevolazione è di 5.000 Euro, la detrazione massima del Bonus Verde per condominio ammonta a 1.800 Euro per ogni immobile (ovvero il 36% del tetto massimo stabilito), in quanto la detrazione viene ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

 

TOP